TECNOLOGIE DEL LEGNO

NELLE COSTRUZIONI

Dall'anno scolastico 2014/15 è attiva l’opzione: «tecnologia del legno nelle costruzioni» secondo il piano di studi previsto dal ministero dell’istruzione.


cos'è?

Nell’opzione “Tecnologie del legno nelle costruzioni” il Diplomato ha competenze nel campo dei materiali utilizzati nelle costruzioni in pietra, legno e con tecniche di bioarchitettura; delle macchine e dei dispositivi utilizzati nelle industrie del legno e dei centri di taglio a controllo numerico impiegati nelle realizzazioni di carpenteria in legno; nell’impiego degli strumenti di rilievo; nell’impiego dei principali software per la progettazione esecutiva e il trasferimento dati ai centri a controllo numerico impiegati nelle realizzazioni delle carpenterie in legno; nella stima di terreni, fabbricati, aree boscate e delle altre componenti del territorio, nonché dei diritti reali che li riguardano, e allo svolgimento di operazioni catastali.

cosa si studia?

Le materie che caratterizzano il corso di studio sono:

Topografia (rilievo del territorio, aree libere e i manufatti e progettazione strade, elaborando i dati ottenuti in ufficio fino ad ottenere progetti esecutivi);

Progettazione, Costruzioni e Impianti (selezione dei materiali costruttivi, computi metrici preventivi ed esecutivi, progettazione e calcolo di costruzioni edili e civili in acciaio, legno e cemento armato; costruzioni nel rispetto della normativa antisismica e del risparmio energetico);

Tecnologia del legno nelle costruzioni (approfondisce la conoscenza dell’impiego del legno nelle costruzioni; esprime capacità grafiche e progettuali con particolare riguardo alle ristrutturazioni delle antiche costruzioni in legno e alle nuove tecniche costruttive dei fabbricati improntati all’uso del legno, e con tecniche di bioarchitettura);

Gestione del cantiere e sicurezza  (Organizzano e conducono i cantieri mobili nel rispetto delle normative sulla sicurezza);

Geopedologia , Economia ed Estimo (Analisi delle rocce e del terreno, Botanica generale e forestale, Studio e gestione del bosco, Calcolo delle rendite catastali e relative Imposte fiscali, Visure catastali, Stima di terreni, edifici e di aziende, pubblico e privato.


PERCHE' SCEGLIERLO?

Perché accanto ad uno studio teorico affronterai degli aspetti pratici che ti permetteranno di dare corpo al tuo lavoro.

Perché ti darà la possibilità di svolgere il tuo lavoro all’aperto (rilievi, cantieri, ecc.) oppure in ufficio (progettazione, lavoro presso gli enti pubblici, ecc.) o anche alternando le due possibilità.

Perché avrai delle conoscenze specifiche approfondite sull’impiego dei materiali nelle costruzioni.

COSA FARE DOPO?

Il diploma di Perito delle Costruzioni, Ambiente e Territorio (CAT) consente di proseguire gli studi in ogni facoltà universitaria, in particolare Ingegneria e Architettura, nonché in corsi di specializzazione post-diploma (ITS-IFTS).

Il diploma consente la partecipazione a concorsi pubblici, l’impiego di imprese specializzate nel campo delle costruzioni edili, stradali ed idrauliche, l’inserimento come libero professionista, in studi tecnici di ingegneria o di architettura, l’impiego presso studi di gestioni condominiali e agenzie immobiliari.

Per l’esercizio della libera professione è necessario conseguire l’abilitazione previo tirocinio e successivamente l’iscrizione al Collegio dei Geometri.